sabato 1 marzo 2014

Île flottante: un dessert elegante


Ciao, sono Sara. E di secondo nome faccio Bianconiglio. Un po' a causa mia, un po' per colpa del lavoro, ho sempre meno tempo per il blog. Continuo a cucinare, naturalmente. Ma è sempre più difficile ritagliare qualche attimo per scrivere di cucina. Approfitto quindi di dieci minuti liberi per presentarvi la ricetta di un dolce francese molto chic: l'Île flottante (ovvero, "isola galleggiante"). Si tratta di un dessert composto da una base di crema inglese sovrastata da un "isolotto" di albumi zuccherati.


Ingredienti (per 2 coppette):

2 uova
50 gr. di zucchero a velo
250 ml di latte (io ho usato il parzialmente scremato, ma ho idea che il latte intero sia più idoneo)
1 baccello di vaniglia

Separate i tuorli delle uova dagli albumi e montate questi ultimi a neve molto ferma, incorporandovi circa 20 gr. di zucchero a velo ben setacciato.
In un pentolino largo, scaldate il latte con il baccello di vaniglia (inciso nel senso della lunghezza per estrapolarne il gusto). Subito prima che cominci a sobbollire, abbassate la fiamma al minimo e togliete la stecca di vaniglia. Aiutandovi con due cucchiai, create una quenelle di albumi e tuffatela delicatamente nel latte. Lasciatela cuocere per circa un minuto, quindi giratela con attenzione (usate una schiumarola, è l'ideale!) e fate cuocere un altro minuto. Usando sempre molta delicatezza, posate poi la quenelle su un foglio doppio di carta assorbente. Andate avanti in questo modo sino ad esaurimento degli albumi montati. Sebbene per due coppette di dessert siano sufficienti due quenelles, è possibile che ne ricaviate di più (utilizzando uova grandi, a me sono venute ben quattro quenelles!).
Mentre gli albumi cotti si riposano, montate i tuorli con il resto dello zucchero a velo (setacciatelo sempre, onde evitare grumi fastidiosi), fino a creare una cremina omogenea. Unite poi il latte utilizzato precedentemente che avrete lasciato intiepidire. Mescolate bene il tutto e ponete sul fuoco a fiamma medio-bassa, sino a velatura della crema (in pratica, deve addensare). 
Disponete la crema nelle coppette, lasciate raffreddare e adagiatevi le quenelles, una per ogni coppetta. Mettete tutto in frigo, meglio se per almeno un paio d'ore.
Il dolce può essere infine decorato con granella di mandorle e caramello. Io avevo solo delle nocciole a casa, così le ho caramellate velocemente in un padellino (un cucchiaio di zucchero, 2-2,5 cucchiai d'acqua e le nocciole. Si scalda tutto insieme mescolando fino a formare una sorta di pellicola granulosa intorno alle mandorle), le ho spezzettate con un coltello e ho così completato la mia presentazione.

Nessun commento: